Home :: Gite :: Archivio :: Anello di passo del pura e rifugio tita piaz
Domenica 12 Gennaio 2020
Alpi Carniche - Ampezzo
[ANELLO DI PASSO del PURA e RIFUGIO TITA PIAZ  - 1]
Clicca sull'immagine per vedere la photogallery

Per partecipare alle gite è necessario iscriversi presso i Capigita o la segreteria della sezione il martedì o venerdì dalle ore 21.00 alle ore 22.00.

Per questa gita le iscrizioni sono aperte il martedì e venerdì che la precedono.

I Capigita si riservano la facoltà di apportare modifiche a quanto programmato qualora le condizioni meteo o di sicurezza lo richiedessero.

Vedi il regolamento per le gite sociali

ANELLO DI PASSO del PURA m. 1428 e
RIFUGIO TITA PIAZ m. 1.417

Alpi Carniche - Ampezzo

Ciaspolada

Accesso in auto: seguendo la SR52, superato Ampezzo si prosegue in direzione di Sella Cima Corso fino a giungere al Bivio per il Passo Pura (m. 725) dove si lascia l’auto in un comodo parcheggio.

Si segue ora la strada che porta al Passo Pura per circa 300 metri, fino ad incontrare sulla sinistra una evidente mulattiera (segnaletica) che si trova di fronte a due abitazioni. Il sentiero si presenta largo e ben tracciato in quanto in passato era utilizzato dai locali per raggiungere il passo. Si sale all’interno di un bosco misto con prevalenza di faggio e carpino, si prosegue su comodi tornanti godendo ogni tanto di belle panoramiche sulla Valle del Tagliamento.

La mulattiera si alza progressivamente verso NO fino a confluire a quota 1.343 sulla strada asfaltata, si prosegue fino alla successiva curva per riprendere a sinistra la prosecuzione della mulattuera. Oltrepassata una baita si esce sull’ampio pascolo di Malga del Pura per seguire un sentiero sulla destra riguadagnando la strada principale ed in breve alla capella situata al Passo del Pura (m. 1428). Da qui in pochi minuti si giunge al Rifugio Tita Piaz (m. 1417 - chiuso in inverno ma con possibilita’ di trovare posti dove sostare).

Dopo la sosta si riguadagna il passo e si segue il sentiero CAI n. 237 che passa accanto alla Casera del Pura e si inizia la discesa lungo le pendici del M. Tinisuta, lungo le quali il sentiero esce gradatamente dal bosco per entrare in una vegetazione dominata dal pino mugo da dove la visuale si apre verso la Sella di Cima Corso e la dorsale Pelois, Jof e Corno. Dopo una zona di rimboscimento a conifere si apre una vasta zona prativa. A questo punto abbandoniamo il sentiero 237 e imbocchiamo sulla sinistra un tratturo che si allontana in direzione NE passando per lo Stavolo Sora Clap e raggiunge la Chiesetta di S. Antonio.

 

Difficoltà: EAI (facile)
Dislivello: m. 715
Tempi indicativi di percorrenza: ore 5,00
Equipaggiamento: da escursione invernale con ciaspole, bastoncini, guanti, occhiali anti riverbero.
Trasporto: mezzi propri.

Capigita: Ezio Campagnolo, Paolo De Bortoli, Petra Kloetzner