Home :: Gite :: Ciaspolada notturna al bivacco varnerin e al monte celant
Sabato 09 Febbraio 2019
[CIASPOLADA NOTTURNA AL BIVACCO VARNERIN E AL MONTE CELANT - 1]
Clicca sull'immagine per vedere la photogallery
[CIASPOLADA NOTTURNA AL BIVACCO VARNERIN E AL MONTE CELANT - 2]

Per partecipare alle gite è necessario iscriversi presso i Capigita o la segreteria della sezione il martedì o venerdì dalle ore 21.00 alle ore 22.00.

Per questa gita le iscrizioni sono aperte il martedì e venerdi che la precedono.

I Capigita si riservano la facoltà di apportare modifiche a quanto programmato qualora le condizioni meteo o lo stato del manto nevoso lo richiedessero.

CIASPOLADA NOTTURNA AL BIVACCO VARNERIN E AL MONTE CELANT - m.1093

Prealpi Carniche - Tramonti di Sotto - B.go Tamar

ESCURSIONE CON LE CIASPOLE

Riproponiamo l’ormai consueta e suggestiva escursione notturna che ci porta a salire dentro il bosco, al buio e con la tenue luce della luna riflessa sulla neve (ma anche con l’ausilio di una buona torcia elettrica), lungo un percorso montano è un’attrazione alla quale non si può resistere. E a maggior ragione se prima di rincasare ci si può concedere una sosta conviviale al calduccio del nostro bello e confortevole bivacco G. Varnerin a Tamar.

Il percorso, che inizia a Tramonti di Sotto (m. 366), passa per Comesta e si inoltra nella valle del Canale del Tarcenò, risale poi la strada forestale che porta a Tamar e al bivacco Varnerin (m. 660). Qui possiamo alleggerire lo zaino lasciando in deposito cibarie e bevande e proseguire ancora per la forestale fino a quota 1000 m., dove si svolta a sinistra per risalire l’ultima rampa dentro la faggeta fino a raggiungere la cima del M. Celant (m. 1093) dove,  chiarore permettendo, si può godere di un’ampia vista sulla valle di Campone, Pradis e Clauzetto e su numerose cime delle Prealpi Carniche.
La discesa si effetua per il medesimo percorso di salita e giunti al bivacco Varnerin si farà una adeguata sosta per stare insieme a ristorarsi e brindare.

NB.: neve o non neve l’escursione si effettuerà comunque.
Sono gradite le torte ma anche qualche bottiglia.

Dislivello: mt. 730
Difficoltà: EAI (escursionistica in ambiente innevato)
Abbigliamento: da escursione invernale
Equipaggiamento: ciaspole, ghette, bastoncini, guanti e TORCIA ELETTRICA
Tempo di salita: circa 3 ore
Trasporto: Mezzi propri

Capigita: Renato Miniutti - Caterina Costa - Diego Verardo - Ivo Longo - Paolo Tedesco - Loretta Gruber