Home :: Gite :: Archivio :: Monte amarianutte - m. 1084
Domenica 08 Dicembre 2019
Alpi Carniche Tolmezzine
[MONTE AMARIANUTTE  -   m. 1084 - 1]
Clicca sull'immagine per vedere la photogallery

Per partecipare alle gite è necessario iscriversi presso i Capigita o la segreteria della sezione il martedì o venerdì dalle ore 21.00 alle ore 22.00.

Per questa gita le iscrizioni sono aperte il martedì e venerdi che la precedono.

I Capigita si riservano la facoltà di apportare modifiche a quanto programmato qualora le condizioni meteo o di sicurezza lo richiedessero.

MONTE AMARIANUTTE m. 1084

Alpi Carniche Tolmezzine

Anziché la consueta salita sull’Amariana, proponiamo la meno conosciuta ma ugualmente meritevole cima del Monte Amarianutte, (m. 1084) che si eleva ad ovest dell’Amariana ben separato da quest’ultima da una sella. I sentieri che lo risalgono sono stati ripristinati solo alcuni anni fa dal lavoro di alcuni giovani tolmezzini ed offrono una bella escursione ad anello; la vetta è un punto panoramico di tutto rispetto verso la bassa Carnia e la valle del Tagliamento e mostra l’imponenza maestosa della parete ovest dell’Amariana.

Percorso: si salirà per il Troi di di Cjadin e si scenderà per il Troi di Martin. Dal parcheggio (m. 303) si sale lungo una pista nel poligono militare dei Rivoli Bianchi, in un territorio brullo e ghiaioso con radi pini neri, fino ad un bivio dove proseguiamo salendo il ripido Troi di Cjadin, per gradini rocciosi e balze erbose, in parte affacciati sulla parete Ovest dell’Amariana, fino alla panoramicissima e piccola vetta a quota 1084 m., con croce e libro di vetta.

Dopo una meritata sosta scenderemo per il versante opposto lungo una cresta e poi nel bosco, lungo il Troi di Martin, perdendo rapidamente quota, fino a giungere ad un belvedere con panchina, affacciato sulla valle del Tagliamento. Si prosegue con strette svolte raggiungendo il bivio per il Troi di Cjadin e da qui di nuovo al parcheggio.

Accesso in auto: Da Amaro (UD) prendere la strada statale n.52 per Pissebus. Oltrepassata la galleria di Sasso Tagliato e l'incrocio con la vecchia ferrovia dopo un nucleo di case posteggiare sulla strada (poco posto) in corrispondenza di una pista bianca che parte sulla destra.

Dislivello in salita: m. 785
Difficoltà: E
Equipaggiamento: Da escursione invernale con racchette e ramponcini
Tempi indicativi: salita ore 2:30’ - discesa ore 2:00
Trasporto: mezzi propri;
Partenza dalla sede CAI di San Vito: ore 7:30

Capigita: Edi Bottosso - Lucia Bonfada