Home :: Gite :: Sentiero del pellegrino e monte lussari - m. 1789
Domenica 18 Febbraio 2018
Alpi Giulie - Camporosso (Tarvisio)
[SENTIERO DEL PELLEGRINO e MONTE LUSSARI - m. 1789 - 1]
Clicca sull'immagine per vedere la photogallery

Per partecipare alle gite è necessario iscriversi presso i Capigita o la segreteria della sezione il martedì o venerdì dalle ore 21.00 alle ore 22.00.

Per questa gita le iscrizioni sono aperte il martedì e venerdi che la precedono.

I Capigita si riservano la facoltà di apportare modifiche a quanto programmato qualora le condizioni meteo o lo stato del manto nevoso lo richiedessero.

ESCURSIONE SCI ALPINISTICA e CON LE CIASPOLE

Per secoli, le cime più orientali delle Alpi sono state il confine naturale tra il mondo latino, quello germanico e quello slavo. Ne è simbolo il Monte Santo di Lussari con il suo santuario che continua ad essere meta di pellegrinaggi di questi popoli ed è infatti conosciuto come Santuario dei Tre Popoli.
La meta della nostra gita è il piccolo Borgo Lussari che sorge in bella posizione soleggiata e panoramica; è raggiungibile a piedi lungo il suggestivo Sentiero del Pellegrino (segnavia CAI n° 613) che inizia presso la partenza della funivia del lussari e segue la strada con i capitelli della Via Crucis e si snoda tra i boschi della foresta di Tarvisio fino a sbucare nei pressi della Malga di Lussari (m. 1573), dopo la quale va ad aggirare il M. Prasnig ed in breve giunge al borgo (m. 1789).

L’escursione si svolge in due gruppi, uno per la scialpinitica ed uno per la ciaspolada e di conseguenza il ritorno per i ciaspolatori sarà a ritroso per la via di salita, mentre con gli sci si scenderà lungo la pista.

Difficoltà: BS/EAI (buoni sciatori/escursionistica in ambiente innevato)
Dislivello: m. 900

Abbigliamento: da escursione invernale
Equipaggiamento: per sci alpinismo o con ciaspole, ghette, bastoncini. Per tutti, se necessario, ARTVa, pala e sonda.
Tempo di salita:  3 ore e 30’ circa
Trasporto: mezzi propri

Capigita: Frediano Leonarduzzi - Gianpiero Polesel - Gianfranco Brusutti - Paolo Tedesco