Home :: Gite :: Archivio :: Punta telegrafo e via ferrata gerardo sega
Da Sabato 13 Giugno a Domenica 14 Giugno 2020
Prealpi Gardesane Orientali - Catena del Monte Baldo Centrale - Lago di Garda
[PUNTA TELEGRAFO E VIA FERRATA GERARDO SEGA - 1]
Clicca sull'immagine per vedere la photogallery

Per partecipare alle gite è necessario iscriversi presso i Capigita o la segreteria della sezione il martedì o venerdì dalle ore 21.00 alle ore 22.00.

Per questa gita le iscrizioni si chiudono venerdì 5 giugno, ovvero al raggiungimento di n° 25 partecipanti.

I Capigita si riservano la facoltà di apportare modifiche a quanto programmato qualora le condizioni meteo o di sicurezza lo richiedessero.

PUNTA TELEGRAFO  -  m. 2200
E VIA FERRATA GERARDO SEGA

Prealpi Gardesane Orientali - Catena del Monte Baldo Centrale - Lago di Garda

Punta Telegrafo con i suoi 2200 metri s.l.m. è la seconda cima più alta della catena montuosa del Monte Baldo e fa da confine fra le provincie di Verona e Trento. I due versanti principali del rilievo montuoso presentano caratteristiche nettamente diverse; verso il lago di Garda è una struttura compatta, quasi una lunga bancata, molto ripida e selvaggia, fittamente ricoperta di boschi e boscaglia; verso est, invece, presenta declivi che a tratti formano ampie piattaforme pascolive.

Il M. Baldo, un tempo la montagna dei pastori per via delle grandi zone di pascolo sfruttate da tempi immemorabili, è anche definito il giardino d’Italia per la straordinaria quantità e rarità di specie vegetali ed in particolare per le spettacolari fioriture, molte delle quali sono residui glaciali sopravvissuti sul monte che emergeva coma un’isola tra le enormi colate di ghiaccio.  

1° giorno: accesso da Malcesine (Lago di Garda), con salita in quota a mezzo funivia e arrivo a m. 1760. Poi percorso di cresta lungo sentiero CAI n. 651 con arrivo al Rifugio Barana al Telegrafo e pernottamento. (possibilità di vedere lo spettacolo del tramonto e dell’alba).

2° giorno: discesa al Rifugio Monte Baldo (m. 1180) lungo il sentiero CAI n. 652, via ferrata G. Sega e ritorno alla stazione della funivia.

Dislivello in salita;   1° g: m. 600;  2° g: m. 1000
Difficoltà;   1° g: EE;  2° g: EEA-D
Tempi indicativi di percorrenza;   1° g: ore 5.00;  2° g: ore 8.00
Equipaggiamento: da escursione in montagna + set completo da ferrata omologato
Trasporto: mezzi propri
Iscrizioni: entro e non oltre il 5 giugno (max. 25 posti)
Costi previsti: Viaggio € 25,00 + Pernottamento in rifugio € 40,00 + Funivia € 22,00

Capigita: Renato Miniutti, Stefano Brusadin