Home :: Gite :: Archivio :: Sella di val dolce - m. 1781
Domenica 19 Luglio 2020
Alpi Carniche Orientali - Passo Cason di Lanza
[SELLA DI VAL DOLCE - m. 1781 - 1]
Clicca sull'immagine per vedere la photogallery

Per partecipare alle gite è necessario iscriversi presso i Capigita o la segreteria della sezione il martedì o venerdì dalle ore 21.00 alle ore 22.00.

Per questa gita le iscrizioni sono aperte il martedì e venerdì che la precedono.

I Capigita si riservano la facoltà di apportare modifiche a quanto programmato qualora le condizioni meteo o di sicurezza lo richiedessero.

SELLA DI VAL DOLCE  -  m. 1781

Gita con guida naturalistica

La sella di Val Dolce è un bucolico e molto ampio avvallamento erboso sulla cresta di confine con l'Austria che si trova tra le Pale di San Lorenzo e lo Zottach Kopf.

La si raggiunge con una piacevole salita dal Passo Cason di Lanza (m. 1552), lungo il sentiero CAI n° 458, che passa accanto ad una cavità denominata “la grotta di Attila”. Si tratta di una piccola fenditura nella roccia che un corso d’acqua, poco più che un ruscello, s’è scavato nel calcare nel corso dei secoli, il cui ingresso, alto circa 4 metri, mostra un caratteristico aspetto simile al buco di una serratura.
Il sentiero poi continua e ci porta alla Sella di Val Dolce (m. 1781), sul confine austriaco, consentendoci di ammirare paesaggi e bellezze naturalistiche, con zone palustri, praterie  e flora di alta montagna e con la presenza  di larici e pini mughi.

Avvicinamento in auto: giunti a Paularo si imbocca la strada per Casera Ramaz e si prosegue fino all’ampio parcheggio del Passo Cason di Lanza.

Lasciate le auto si inizia la salita accanto all’agriturismo Malga Cason di Lanza, risalendo un territorio di estremo interesse botanico, geologico, speleologico e faunistico. Durante il percorso la Guida Naturalistica Walter Fantuz, che ci accompagna, ci illustrerà le peculiarità ambientali della zona in particolare l’interessantissima varietà di flora, la fauna e la morfologia del luogo.

Dislivello in salita; m. 300
Difficoltà;   E
Tempi indicativi di percorrenza;  4 ore
Equipaggiamento: da escursione in montagna
Trasporto: mezzi propri

Capigita: Roberto De Piccoli - Walter Fantuz